Messana

Messana, “Rassegna di studi filologici linguistici e storici”, come da complemento di titolo, diretta da Gianvito Resta.

Precedenti editoriali

Nei sette anni fra il 1950 e il 1956 furono pubblicati, sotto lo stesso titolo di Messana, quattro (4) volumi di saggi su tematiche di storia, arte, filologia, filosofia, linguistica, ad opera dei docenti della Facoltà di Lettere e filosofia dell’Università degli studi di Messina. Essi avevano voluto testimoniare la ripresa delle attività culturali e di ricerca scientifica all’interno delle strutture didattiche di quella Facoltà che aveva subito la soppressione da parte del regime fascista per essere poi ripristinata dal Comando militare alleato nel 1943, come d’altronde stava succedendo in generale nelle Università d’Italia.

La nuova serie

Dopo quasi quarant’anni, nel 1990, una nuova veste editoriale e diversa articolazione dei contenuti segnano la pubblicazione di una nuova serie di Messana, ancora a cura dei docenti della stessa Facoltà, in un’ottica di collaborazione con studiosi e progetti di ricerca di matrice nazionale e internazionale.

Il primo numero della seconda serie è l’ 1/1990.

Il DIRETTORE: Gianvito Resta

-si leggano anche la commemorazione post mortem di Carlo Delcorno nella seduta dell’Accademia Nazionale dei Lincei, Classe di scienze morali, Messina, 11 novembre 2011, da cui provengono le citazioni virgolettate (Per il pdf online clicca qui) e l’articolo giornalistico qui online (clicca)-

Gianvito Resta (1921-2011), che nel 1964 aveva vinto il concorso per la Cattedra di Filologia medievale e umanistica ed era stato dopo Giorgio Petrocchi docente di Letteratura italiana presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Messina, ne fu Preside dal 1968 al 1996 e in tale veste diresse la rivista qui in oggetto.

Studioso di filologia e letteratura medievale e umanistica, nel solco di Remigio Sabbadini, di Francesco Novati e di Vittorio Rossi, ne intravide «la legittimazione accademica nell’insegnamento di Paul Oskar Kristeller presso la Scuola Normale di Pisa» (da cui scaturiscono le ispirazioni di ricerca della successiva linea di studiosi, da Perosa a Branca, a Martellotti); e «soprattutto nell’originale e innovativa ricerca di Giuseppe Billanovich».

Resta concentrò la propria attenzione sull’«accertamento filologico» dei documenti unito alla ricostruzione dell’atmosfera culturale e storica: oggetto dei suoi studi furono il Panormita, le traduzioni umanistiche (in specie quelle di Plutarco: delle Vite, del De liberis educandis, dei Moralia; pubblicò in proposito nel 1962 il saggio su Le epitomi di Plutarco nel Quattrocento e in seguito saggi sulle traduzioni umanistiche di Apollonio Rodio).

Non di meno come italianista si fece conoscere nel milieu degli studi storico-filologici all’esordio con una tesi sul Classicismo di Leopardi, e con uno studio su Pascoli a Messina, quindi nel ricostruire le «complesse, intricatissime vicende della formazione e dell’edizione delle lettere tassiane», collaborando infine con l’Edizione Nazionale del Tasso.

Si occupò, come accennato, di storia della letteratura italiana, da Dante a Boccaccio a Manzoni a Pirandello: a proposito di quest’ultimo si ricordano quali «esemplari» le «sue prefazioni agli atti dei convegni su Pirandello, svoltisi nel 2001 e nel 2002, soprattutto le pagine premesse al volume Luoghi e paesaggi nella narrativa di Luigi Pirandello, per quelle osservazioni sul concetto di “luoghi mentali”, che vale per la Sicilia come per Roma, e trova applicazione non solo nella narrativa ma anche nelle didascalie teatrali ([in nota:] Pirandello e Napoli. Atti del Convegno di Napoli, 29 novembre-2 dicembre 2000, a cura di G. Resta, Roma, Salerno Editrice, 2002 (Studi e testi 24); Luoghi e paesaggi nella narrativa di Luigi Pirandello, Atti del Convegno di Roma, 19-21 dicembre 2001, a cura di G. Resta, Roma, Ed. Salerno, 2002 (Studi e saggi 28)»).

Partecipò a «sedici comitati per l’edizione nazionale: sette per l’area della letteratura italiana (Tasso, Verga, Capuana, De Roberto, Svevo, Della Porta, Pirro Ligorio – ) e nove nel settore della letteratura umanistica (ad es. Alberti, Valla, Biondo, Poliziano)»; fu promotore di Convegni e inoltre delle «iniziative della Fondazione Verga, di cui fu a lungo presidente»; si adoperò inoltre a favore del «settore delle Biblioteche presso il Ministero, la Regione Siciliana, il Comune di Messina) […e]  nella promozione di mostre di documenti».

Fu tra l’altro, oltre che direttore di Messana, direttore della rivista Presenza insieme col fondatore Giuseppe Catalfamo.

Messana ospitò firme di collaboratori afferenti all’Università degli Studi di Messina o ad altre, italiane ed estere, quali: Giuseppe Nenci, Marta Sordi, G. Aurelio Privitera, Giovanna De Sensi Sestito, e inoltre Carmela Raccuia, Bruno Tripodi, Anna Maria Prestianni Giallombardo, Sebastiana N. Consolo Langher, Giuseppe Mafodda, Maria Luisa Tobar, Salvatore Calderone, Irma Bitto, Lietta De Salvo, Paola Radici Colace, M. Caccamo Caltabiano, Lucietta Di Paola, Antonino Zumbo, Maria Cannatà Fera, Lucietta Di Paola, Antonino Pinzone.

Editore

L’editore della nuova serie è Sicania, Messina

Descrizione biblioteconomica

*Messana : rassegna di studi filologici, linguistici e storici. – N. S., 1 (1990)- . – Messina : Sicania, stampa 1991-. – v. : ill. ; 20 cm ((Periodicità non determinata

 IN EMEROTECA

[DA AGGIORNARE] In Emeroteca si conservano 14 fascicoli della Rivista (+ 1 doppione = 15), dal 1990 al 1993, con  2 annate complete (1990 e 1991). Il n. 1/1990 era già in possesso dell’Emeroteca, provenendo come altri periodici dal patrimonio finora ospitato nella Biblioteca “Giorgianni-Macrì” del Liceo classico “F. Maurolico” di Messina, mentre gli altri, più il doppione dell’1/1990, sono gradito dono del Dipartimento di Civiltà antiche e moderne (in particolare dell’ex Dipartimento di Scienze dell’Antichitàclicca) dell’Università di Messina (2016), che qui si ringrazia.

Vedi disponibilità d’archivioMessana (PDF),

DESCRIZIONE FISICA DELLE RIVISTE e SOMMARI E INDICI

Gli esemplari in possesso della Emeroteca per anno con indicazione tematica:

 

Messana – “Rassegna di studi filologici linguistici e storici”  
a.1990: a.1    
a.1990:a.1 n.s.:n1-n5 5
   
a.1990:a.1 n.s.:n1:

Studi di Storia Antica

 
a.1990:a.1 n.s.:n2:

Studi di Lingue e Letterature Straniere Moderne

a.1990:a.1 n.s.:n3

Studi di Storia Antica

a.1990:a.1 n.s.:n4

Studi di Filologia romanza: occitanica

a.1990:a.1 n.s.:n5:

Studi di Lingue e Letterature Straniere Moderne

a.1991: a.2    
a.1991:a.2 n.s.:n6-n9 4
a.1991:a.2 n.s.:n6

Studi di Filologia romanza: oitanica

a.1991:a.2 n.s.:n7:

Studi di Storia Medievale

 
a.1991:a.2 n.s.:n8

Studi di Filologia romanza

a.1991:a.2 n.s.:n9:

Studi di Storia Medievale

 
a.1992: a.3    
a.1992:a.3 n.s.:n11-n13 3
n.b.: il n10 non è presente in Emeroteca
a.1992:a.3 n.s.:n11

Studi di Lingue e Letterature Straniere Moderne

a.1992:a.3 n.s.:n12

Studi di Linguistica

a.1992:a.3 n.s.:n13

Studi di Storia Antica

a.1993: a.4    
a.1993:a.4 n.s.:n14-n15 2
a.1993:a.4 n.s.:n14

Studi di Lingue e Letterature Straniere Moderne

a.1993:a.4 n.s.:n15

Studi di Filologia classica

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...